Agricoltura
Slide fotografica
CondividiFacebookTwitterGoogle+LinkedInemail
Home » Ente gestore » Progetti di sviluppo » Agricoltura » Il database delle Antiche Cultivar

Fagiolo gialet

Ortaggi

Scheda agronomica

Classificazione botanica:

  • Famiglia: Leguminose
  • Genere: Phaseolus
  • Specie: Phaseolus vulgaris
  • Popolazione: Fagiolo gialet (sinonimi: fasol biso o fagiolo pisello – solferino)

Descrizione aspetti biologici e vegetativi:

  • Ciclo della pianta: annuale a sviluppo determinato
  • Portamento: volubile con abilità rampicante di tipo sinistrorso
  • Germinazione del seme: epigea (i cotiledoni sono portati fuori terra dal fusticino sviluppato dal seme)
  • Altezza della pianta a maturazione: da 200 a 260 cm
  • Epoca di fioritura: variabile (inizio da 50 a 60 gg dalla semina)
  • Durata delle fioritura: variabile (da 20 a 30 gg)
  • Impollinazione: autoimpollinazione anemofila
  • Epoca di semina: 1^ decade di maggio
  • Epoca di maturazione e raccolta: 1^ decade di settembre

Descrizione botanica dell'apparato radicale:

  • Tipologia: fittonante
  • Sviluppo: medio-superficiale
  • Simbiosi: presenti discrete forme mutualistiche con formazioni di tubercoli radicali per lo più presso il centro del sistema radicale

Descrizione botanica dello stelo:

  • Consistenza: erbaceo
  • Forma e sezione: circolare, di diametro sottile (circa 4 mm a 10 cm da terra) variando in misura minima dalla base alla porzione apicale
  • Nodi fruttiferi: primo nodo fruttifero posizionato al secondo nodo
  • Colore e caratteristiche superficie: verde e glabro
  • Branche e ramificazioni: ramificato sino dalla base e mediamente con 4 branche
  • Sviluppo: specie sinistrorsa e con movimento rotatorio della porzione apicale attorno al proprio asse in direzione verso destra.

Descrizione botanica delle foglie:

  • Tipologia delle foglie: composte pennato-trifogliate, costituite dal picciolo e tre fogliole
  • Tipo di attacco al nodo: picciolata, con picciolo scanalato centralmente e lievemente lateralmente
  • Inserzione delle foglioline: opposta per le due foglioline iniziali, la terminale è singola. Ogni foglia è sorretta da un peduncoletto
  • Forma delle foglioline: romboidali, pressoché identica nelle tre fogliole
  • Margine: intero
  • Apice: acuminato
  • Nervature: penninervie
  • Consistenza: erbacea
  • Colore e caratteristiche della pagina superiore: verde intenso, rigida
  • Colore e caratteristiche della pagina inferiore: verde opaco e lievemente pubescente
  • Larghezza delle foglioline: da 4 cm a 6,5 cm
  • Lunghezza delle foglioline: da 8 cm a 14 cm
  • Stipole: bratteiforme, disposte alla base dei tre peduncoletti delle foglioline e alla base del picciolo
  • Persistenza delle foglie: sino all'80% dei baccelli secchi

Descrizione botanica del fiore:

  • Tipologia: racemo ascellare
  • Caratteristica del fiore: classico del Phaseolus vulgaris, con ali che divergono moderatamente e stilo non prominente
  • Numero di fiori per grappolo: mediamente 4
  • Colore del fiore: bianco

Descrizione botanica del frutto:

  • Tipologia del frutto: baccello classico a 2 valve derivato da foglie metamorfosate, deiscente a maturità
  • Numero di semi per baccello: solitamente 5
  • Numero di baccelli formati e maturi per pianta: variabile da 12 a 16
  • Forma: leggermente appiattita e rigonfia in corrispondenza dei semi
  • Curvatura: leggermente arcuato
  • Sezione: a forma di pera
  • Peduncolo: presente e lungo dai 10 ai 14 mm
  • Pergamena e filo di sutura: presente ed evidente, con filo fibroso
  • Colore allo stato secco: giallo ocra - nocciola
  • Colore allo stato fresco: verde
  • Lunghezza del baccello: da 7 ai 14 cm
  • Larghezza del baccello: da 1,2 a 1,5 cm
  • Lunghezza del rostro di punta: da 0,8 a 1,3 cm
  • Distribuzione nella pianta: omogenea sulla pianta

Descrizione botanica del seme:

  • Forma: sferico - sub ovoidale
  • Colore: giallo-verde intenso, brillate ed omogeneo
  • Ilo: convesso e di colore bianco
  • Colore del contorno dell'ilo: identico al resto del seme
  • Peso di 100 semi: 45 g
  • Lunghezza: 12 mm
  • Larghezza: 8 mm
  • Spessore: 8 mm

Descrizione aspetti ecologici, agronomici e produttivi:

  • Habitat di crescita: richiede terreni fertili e di medio impasto. Limite massimo di coltivazione 700 metri s.l.m.
  • Avvicendamento colturale: è una buona coltura miglioratrice con buona capacità di fissazioni di azoto atmosferico;
  • Sistema di coltivazione: si effettua la semina primaverile a file con 4 semi per postarella, con sistemi diversi di tutoraggio a filare semplice, piramide o capannina con tutori in nocciolo o bambù. Sono previste concimazioni organiche e se del caso minerali a base di fosforo e potassio, sono necessarie scerbature e/o sarchiature nell'interfila.
  • Problematiche: non sussistono particolari problematiche di coltivazione, se non la suscettibilità della deiscenza dei baccelli e la relativa caduta dei semi a terra, con perdite di prodotto. Onde evitare incroci e perdite di purezza sono da evitare la coltivazione in consociazione e/o vicinanza con altre varietà di fagiolo e fagiolino.
  • Suscettibilità ai patogeni: non si registrano particolari e diverse patologie al di là di quelle normali presenti nelle altre varietà di fagiolo. Sembra registrare minore incidenza di attacchi di antracnosi nel seme.
  • Produttività per pianta: limitata se paragonata ad altre varietà locali. Si possono stimare, in pieno campo produzioni di circa 30 g per pianta.
  • Produttività in pieno campo: si possono stimare produzioni di circa 220-240 kg di prodotto secco ogni 1000 mq di superficie coltivata.
  • Organi vegetali da raccogliere: sia baccelli allo stato fresco per consumo fresco del seme, sia molto più frequentemente baccelli secchi per consumo secco del seme

Testimonianze

I files audio delle testimonianze
Vengono allegati alcuni brani significativi delle interviste condotte da Nadia Breda e Barbara De Luca nel corso delle ricerche etnobotaniche.
Si riporta di seguito una breve sintesi del contenuto dei diversi brani.

  • Vecchie varietà di mele e pere (mp3 - 02:23 - 428kb)
    L'anziana interlocutrice, intervistata nella cucina di casa sua, descrive alcune vecchie varietà di mele e pere che ricorda di aver visto e ne illustra le caratteristiche. Cita in particolare i pér Canarìn, i pér da le Tharpe e i pér Torondèi.

  • Il ruolo dell'emigrazione nella creazione delle varietà di mele e pere (mp3 - 15:36 - 2,6Mb)
    L'interlocutore incontrato descrive e disegna alcune vecchie varietà di mele e pere di cui ricostruisce anche la singola storia. Molti esemplari che lui ricorda di aver visto (molti dei quali oggi non sono più rintracciabili) erano varietà importate da suo padre o da altri emigranti dall'America, e dall'Africa. Nomina in particolare le seguenti varietà: i pér Anguriéta, pér de Agosto, pér Sangonèi, pér e pón de Pin, pér Thucherìn, pón de l'Òio, de santa Anna, Americani, dell'inverno, pér de la Mèrdha.

  • Gestione di vecchi meli e peri (mp3 - 7:19 - 1,2Mb)
    L'interlocutrice, intervistata nella sua casa, racconta delle piante che aveva nei suoi campi, di come erano curate e dell'uso che ne facevano. Descrive le caratteristiche delle varietà di pér Spada, pér del Diàol, pér de la Favorita, pér de san Piero, pér Moscatèi.

  • Gli innesti (mp3 - 7:29 - 1,2Mb)
    L'interlocutore, intervistato mentre eseguiamo un percorso nei suoi campi, dove si trovano le piante di cui ci parla, descrive come praticasse gli innesti, quali fossero le piante innestate e coltivate già da suo padre e quali le sue, le modalità di rifornimento del supporto selvatico per la pratica dell'innesto. Racconta di ogni pianta descrivendola dal vivo, e ricordando altre piante non più presenti ma di cui ricorda la “biografia” particolare di ognuna.

  • I fagioli (mp3 - 10:11 - 1,7Mb)
    L'interlocutrice racconta delle sue produzioni di fagioli mentre ce li mostra estraendoli da grandi sacchetti dove li conserva. Racconta e confronta i fagioli di Lamon e i fagioli gialét , descrive le cure che vi dedicavano al momento della semina e in quello della raccolta, lo scambio delle sementi, le modalità di conservazione e i problemi di ibridazione dei semi. Conclude parlando dell'”occhio del fagiolo”.
Fagiolo gialet
Fagiolo gialet
Pianta
Pianta
Bacelli secchi
Bacelli secchi
Essicazione
Essicazione
Pianta
Pianta
Piante
Piante
Seme
Seme
Fiore
Fiore
Foglia
Foglia
Bacelli
Bacelli
2017 © Ente Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi
Piazzale Zancanaro, 1 - 32032 Feltre (BL)
Tel 0439/3328 - Fax 0439/332999
E-mail: info@dolomitipark.it - Posta certificata: entepndb@postecert.it
Siamo certificati ISO 9001 - 14001
Regione Veneto