Agricoltura
Slide fotografica
CondividiFacebookTwitterGoogle+LinkedInemail
Home » Ente gestore » Progetti di sviluppo » Agricoltura » Il database delle Antiche Cultivar

Bruscandol

Piante spontanee

Scheda agronomica

Classificazione botanica:

  • Famiglia: Cannabacee
  • Genere: Humus
  • Specie: Humus lupulus
  • Nome comune: Luppolo
  • Il nome deriva dal latino humus =terra, per i fusti prostrati a terra se non trovano sostegno.
  • Il nome dialettale può essere fatto risalire alla forma d'uso della pianta, da "bruscar", tagliare i getti terminali.
  • Ampiamente distribuito allo stato spontaneo, si trova sulle rive, nelle boscaglie e ai margini dei boschi, generalmente su terreni calcarei.

Portamento della pianta: lianoso e attorcigliante

Altezza: 1 - 4 metri

Caratteristiche della corteccia e del fusto:

  • Colore del fusto: dal verde al marrone
  • Colore dei rami : dal verde al marrone
  • Assenza di lenticelle sui rami e presenza di peli rigidi
  • Fusto: striato, ramoso, coperto da peli rigidi e ricurvi

Foglie:

  • Forma della lamina: palmato-lobate con 3 lobi
  • Tipo di foglia: dimorfismo fogliare
  • Apice fogliare: appuntito
  • Base della foglia:
  • Margine fogliare: dentato
  • Nervature: palmate sulla foglia e pennate sui lobi
  • Inserzione della foglia: opposte, con picciolo di lunghezza variabile
  • Colore della pagina fogliare superiore: verde si schiarisce con il tempo
  • Colore della pagina fogliare inferiore: verde chiaro
  • Pagina fogliare superiore: glabra
  • Pagina fogliare inferiore: ruvida e glandulosa
  • Dimensione della lamina fogliare:
    1. Lunghezza: cm 5 - 20
    2. Larghezza: cm 3 - 15

Fiori e infiorescenze:

  • Pianta dioica con fiori maschili riuniti in pannocchie e femminili raggruppati in amenti
  • Epoca di risveglio vegetativo: fine inverno
  • Getti di allungamento: inizio primavera
  • Fioritura: maggio-agosto

Frutto:

  • I frutti, acheni subrotondi di color cenere, sono situati a due a due all'ascella di brattee simili a foglie e riuniti a formare delle infiorescenze composte da 40 - 60 gruppi di coppie di frutti.
  • Epoca di raccolta: agosto - ottobre
  • Epoca di conservazione: un anno
  • Epoca di consumo: tutto l'anno

Aspetti agronomici:

  • Ciclo vegetativo:
  • Ingrossamento delle gemme e ripresa vegetativa:fine inverno,
  • Schiusura parziale delle gemme: aprile
  • Schiusura totale delle gemme:
  • Fioritura: inizio a maggio; piena a luglio
  • Maturazione del frutto: agosto - ottobre
  • Caduta delle foglie: ottobre
  • Riposo vegetativo: fine ottobre, aprile
  • Produttività per pianta: 0,030 kg di getti e kg 0,1 di fiori femminili (prodotto secco)

Usi

  • Industriale, (per la produzione della birra), non è proponibile al di fuori delle aree che hanno una tradizione in proposito, richiedono strutture apposite per la lavorazione
  • Vengono coltivate delle varietà selezionate, ciascuna con caratteristiche proprie
  • Alimentare, limitato alla raccolta dei getti commestibili primaverili
  • Erboristico per uso sia interno (sedativo e aromatizzante) sia esterno (cosmetico e sedativo)

Testimonianze

I files audio delle testimonianze
Vengono allegati alcuni brani significativi delle interviste condotte da Nadia Breda e Barbara De Luca nel corso delle ricerche etnobotaniche.
Si riporta di seguito una breve sintesi del contenuto dei diversi brani.

  • Vecchie varietà di mele e pere (mp3 - 02:23 - 428kb)
    L'anziana interlocutrice, intervistata nella cucina di casa sua, descrive alcune vecchie varietà di mele e pere che ricorda di aver visto e ne illustra le caratteristiche. Cita in particolare i pér Canarìn, i pér da le Tharpe e i pér Torondèi.

  • Il ruolo dell'emigrazione nella creazione delle varietà di mele e pere (mp3 - 15:36 - 2,6Mb)
    L'interlocutore incontrato descrive e disegna alcune vecchie varietà di mele e pere di cui ricostruisce anche la singola storia. Molti esemplari che lui ricorda di aver visto (molti dei quali oggi non sono più rintracciabili) erano varietà importate da suo padre o da altri emigranti dall'America, e dall'Africa. Nomina in particolare le seguenti varietà: i pér Anguriéta, pér de Agosto, pér Sangonèi, pér e pón de Pin, pér Thucherìn, pón de l'Òio, de santa Anna, Americani, dell'inverno, pér de la Mèrdha.

  • Gestione di vecchi meli e peri (mp3 - 7:19 - 1,2Mb)
    L'interlocutrice, intervistata nella sua casa, racconta delle piante che aveva nei suoi campi, di come erano curate e dell'uso che ne facevano. Descrive le caratteristiche delle varietà di pér Spada, pér del Diàol, pér de la Favorita, pér de san Piero, pér Moscatèi.

  • Gli innesti (mp3 - 7:29 - 1,2Mb)
    L'interlocutore, intervistato mentre eseguiamo un percorso nei suoi campi, dove si trovano le piante di cui ci parla, descrive come praticasse gli innesti, quali fossero le piante innestate e coltivate già da suo padre e quali le sue, le modalità di rifornimento del supporto selvatico per la pratica dell'innesto. Racconta di ogni pianta descrivendola dal vivo, e ricordando altre piante non più presenti ma di cui ricorda la “biografia” particolare di ognuna.

  • I fagioli (mp3 - 10:11 - 1,7Mb)
    L'interlocutrice racconta delle sue produzioni di fagioli mentre ce li mostra estraendoli da grandi sacchetti dove li conserva. Racconta e confronta i fagioli di Lamon e i fagioli gialét , descrive le cure che vi dedicavano al momento della semina e in quello della raccolta, lo scambio delle sementi, le modalità di conservazione e i problemi di ibridazione dei semi. Conclude parlando dell'”occhio del fagiolo”.
Infiorescenza
Infiorescenza
Luppolo
Luppolo
Disegno Bruscandol
Disegno Bruscandol
2017 © Ente Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi
Piazzale Zancanaro, 1 - 32032 Feltre (BL)
Tel 0439/3328 - Fax 0439/332999
E-mail: info@dolomitipark.it - Posta certificata
Siamo certificati ISO 9001 - 14001 - EMAS EMAS Regione Veneto