Visitare il Parco
Slide fotografica
CondividiFacebookTwitterGoogle+LinkedInemail
Home » Visitare il Parco » News

E' nata la Birra Dolomiti

Presentata oggi, nella storica birreria di Pedavena, è prodotta con orzo coltivato nei Comuni del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

( 29 Maggio 08 )E' nata la "Birra Dolomiti". Prodotta dalla storica birreria di Pedavena, in provincia di Belluno, ha la particolarità di essere ottenuta con orzo coltivato nei Comuni del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.La presentazione ufficiale, che si è svolta oggi a Pedavena, è la tappa conclusiva di un progetto di conversione colturale delle aziende agricole, promosso lo scorso anno dal Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, dall'Amministrazione Provinciale di Belluno e dalla Comunità Montana Feltrina, e che ha visto la fattiva collaborazione della Cooperativa agricola "La Fiorita" di Cesiomaggiore.Il progetto è nato per rispondere a due esigenze: una ambientale ed una turistico-promozionale. La prima è la necessità di sostituire una coltura ecologicamente banale e che richiede enormi quantità di acqua: il mais, con una coltura, l'orzo, che ha un fabbisogno di concimi e di acqua molto inferiore. La sostituzione del mais con l'orzo è un'operazione di importante rilievo ecologico. L'orzo, inoltre, è una coltura tradizionale delle nostre vallate e il suo recupero ha anche un importante significato culturale e paesaggistico.Vi è poi l'aspetto legato alla promozione turistica del territorio. In questi anni il Parco, attraverso il progetto Carta Qualità, ha investito molto per promuovere i prodotti agroalimentari tipici, legando il marchio del Parco alle produzioni agricole più in linea con la tradizione e in grado di dare adeguate garanzie in termini di rispetto dell'ambiente naturale. Oggi oltre 200 aziende si fregiano del marchio del Parco. L'inserimento in Carta Qualità di una birra prodotta utilizzando orzo bellunese, l'acqua delle montagne del Parco e altri ingredienti come il luppolo (possibilmente provenienti da agricoltura biologica), può costituire quel valore aggiunto che consente di garantire una adeguata remunerazione ai coltivatori bellunesi.Grazie al coinvolgimento nel progetto della Coldiretti e alla indispensabile collaborazione tecnica della cooperativa "La Fiorita", di Cesiomaggiore, una ventina di agricoltori locali hanno aderito alla proposta di convertire parte delle loro produzioni a mais, sostituendole con l'orzo.

Nel 2007 sono stati coltivati ad orzo una sessantina di ettari. La minor richiesta di fertilizzanti da parte dell'orzo ha permesso di risparmiare, lo scorso anno, 6.900 chilogrammi di azoto, 5.100 di fosforo e 7.200 di potassio.

Dato che l'orzo, a differenza del mais, non richiede diserbanti chimici, nel 2007 è stato evitato lo spargimento, sui campi bellunesi, di 42.000 litri di soluzione di acqua e diserbante.L'orzo prodotto nel 2007 è stato quindi trasformato in malto e utilizzato per produrre la nuova Birra Dolomiti, grazie alla fondamentale e costruttiva collaborazione della Birreria Pedavena, che ha creduto nell'iniziativa.La "Birra Dolomiti", grazie al suo forte legame con il territorio dei 15 Comuni del Parco e ai positivi risvolti ecologici legati alla coltivazione dell'orzo necessario per produrla, ha ottenuto il marchio "Sapori d'argento" del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.Il progetto di riconversione colturale a fini ecologici e ambientali prosegue e anche quest'anno i soci della cooperativa "La Fiorita" hanno seminato orzo nei loro campi, che sarà utilizzato per produrre la birra nel 2009.Alla affollata conferenza stampa odierna erano presenti i rappresentanti della Birreria Pedavena, degli enti pubblici coinvolti nel progetto, della cooperativa "La Fiorita" e della Coldiretti.Il Presidente del Parco, Guido De Zordo, ha sottolineato l'importanza del progetto, finalizzato ad accorciare le filiere produttive, nello spirito del progetto "chilometri zero" lanciato da Coldiretti."Il prossimo passo in questa direzione - ha dichiarato De Zordo - è l'allestimento di una malteria a Pedavena, per riuscire a realizzare in loco l'unica fase del processo di produzione che attualmente si è costretti a svolgere altrove, a causa della assoluta mancanza di malterie nella zona"."La Birra Dolomiti – ha dichiarato il Direttore del Parco, Nino Martino - è un esempio dei positivi risultati che si raggiungono quando si riesce a lavorare in rete. Vorrei ringraziare tutti coloro che si sono impegnati attivamente per conseguire il risultato odierno e in particolare il mastro birraio della birreria di Pedavena, Gianni Pasa, la cui passione e competenza hanno permesso di realizzare un prodotto di straordinaria qualità, recuperando una ricetta che non veniva più utilizzata a Pedavena da cinquant'anni. Davvero, come recita la pubblicità della nuova birra, in questo prodotto c'è tutto in un punto: tradizione, innovazione, rispetto dell'ambiente, competenze tecniche e amore per il proprio territorio. La tutela della natura può passare anche attraverso un buon bicchiere di birra".
E' nata la Birra Dolomiti
E' nata la Birra Dolomiti
 
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l'Europa investe nelle zone rurali
PSR Veneto Programma di Sviluppo Locale 2014-2020
Sottomisura 19.2, intervento 7.5.1 Infrastrutture e informazione per lo sviluppo del turismo delle aree rurali del Progetto Chiave 03 – Turismo sostenibile nelle Dolomiti UNESCO – Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali
2019 © Ente Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi
Piazzale Zancanaro, 1 - 32032 Feltre (BL)
Tel 0439/3328 - Fax 0439/332999
E-mail: info@dolomitipark.it - Posta certificata: entepndb@postecert.it
Siamo certificati ISO 9001 - 14001
Regione Veneto