Fauna
Slide fotografica
CondividiFacebookTwitterGoogle+LinkedInemail
Home » Natura e storia » Fauna » Mammiferi

Gatto selvatico

Felis silvestris

Classe: Mammiferi (Mammalia)

Dimensioni: lunghezza da 70 a 110 cm (di cui 30-40 cm di coda). Peso 2-7 kg, maschi più grossi delle femmine.

Vita: 8-10 anni.

Habitat: vive in boschi collinari e montani, misti o con prevalenza di latifoglie, a quote inferiori ai 1500 metri, con presenza di rocce e anfratti in cui allestire la tana.

Cosa mangia: soprattutto roditori (possono arrivare a costituire anche l'80% della dieta), ma anche uccelli, anfibi, pesci e grossi insetti.

Riproduzione: una volta l'anno, con accoppiamenti in febbraio marzo

Piccoli: dopo 65 giorni di gestazione nascono da 2 a 5 piccoli che, a 4 mesi di età, una volta addestrati alla caccia, diventano indipendenti.

Curiosità: La lingua del gatto selvatico è ricoperta di papille che la rendono rugosa e quindi adatta a ripulire le ossa delle prede dai residui di carne.
A differenza del gatto domestico non gioca con le sue prede vive.
Ogni gatto occupa un territorio di caccia di grandezza variabile tra 2 e 10 chilometri quadrati e lo marca con urine e graffiature sulle cortecce, senza che vi sia la necessità di combattimenti. Individui di sesso opposto possono frequentare lo stesso territorio.

Note: simile al gatto domestico, si distingue da questo per la corporatura più robusta; la coda grossa, con punta arrotondata e larghi anelli neri, oltre ad altri caratteri del mantello.
In Italia è presente lungo la catena appenninica, in Sicilia, sul Gargano e in Maremma. A nord è presente solo alle due estremità opposte dell'arco alpino: nelle Alpi Liguri e Marittime ad ovest, e sulle montagne friulane ad est. 
Le principali minacce alla conservazione della specie sono: la possibilità di ibridazione con il gatto domestico; gli investimenti stradali; gli abbattimenti erronei (vengono scambiati per gatti randagi); la frammentazione e perdita di habitat idonei.

Nel Parco: il gatto selvatico è stato ripreso da una fototrappola il 4 ottobre 2014, nel settore nord-orienatle del Parco, nel bacino del torrente Maè.
Si tratta della terza segnalazione di questa specie in Veneto, la prima in provincia di Belluno. Le precedenti risalgono al 1983 (esemplare abbattuto sul monte Millifret, nel settore trevigiano del Cansiglio) e al 2002 (esemplare investito nei pressi di Vittorio Veneto).

Gatto selvatico
Gatto selvatico
(foto di Enrico Vettorazzo)
 
2017 © Ente Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi
Piazzale Zancanaro, 1 - 32032 Feltre (BL)
Tel 0439/3328 - Fax 0439/332999
E-mail: info@dolomitipark.it - Posta certificata
Siamo certificati ISO 9001 - 14001 - EMAS EMAS Regione Veneto