Ente gestore
Slide fotografica
CondividiFacebookTwitterGoogle+LinkedInemail
Home » Ente gestore » Piano del Parco » Le attività possibili

Il recupero ambientale

All'interno dell'area protetta esistono oltre 80 captazioni idriche, in molti casi realizzate senza rispetto per l'ambiente, per cui si rende necessario ricostituire, dove possibile, accettabili livelli di naturalità, tenendo ben presente che sorgenti e zone umide sono da considerarsi elementi di elevatissima sensibilità e vulnerabilità e che il Parco nasce per tutelare risorse, come le acque, che sul pianeta stanno assumendo la dimensione di bene prezioso. Circa il degrado ambientale nei terreni agricoli abbandonati, il Piano propone una serie di interventi prioritari relativi allo sfalcio e all'arresto del bosco.
In merito alle infrastrutture tecnologiche, il Parco prevede ad esempio l'interramento di eventuali nuove reti che dovessero rendersi necessarie a fondovalle nelle zone di protezione e di promozione economica e sociale.
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l'Europa investe nelle zone rurali
PSR Veneto Programma di Sviluppo Locale 2014-2020
Sottomisura 19.2, intervento 7.5.1 Infrastrutture e informazione per lo sviluppo del turismo delle aree rurali del Progetto Chiave 03 – Turismo sostenibile nelle Dolomiti UNESCO – Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali
2019 © Ente Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi
Piazzale Zancanaro, 1 - 32032 Feltre (BL)
Tel 0439/3328 - Fax 0439/332999
E-mail: info@dolomitipark.it - Posta certificata: entepndb@postecert.it
Siamo certificati ISO 9001 - 14001
Regione Veneto