Il ruolo dei Parchi Nazionali nella tutela e nel ripristino degli ecosistemi naturali

Un convegno a Feltre il 25 maggio in occasione della giornata europea dei Parchi

(Feltre, 13 maggio 2024)

Il 24 maggio 1909 nasceva, in Svezia, il primo Parco nazionale europeo; per ricordare l’avvenimento si celebra, ogni anno, la Giornata Europea dei Parchi.
Nata nel 1999, su iniziativa della Federazione Europea dei Parchi (Europarc) l’iniziativa coinvolge centinaia di parchi ed aree protette in Italia e in Europa ed è l’occasione per ricordare il ruolo e le funzioni delle aree protette e illustrare le attività realizzate dai Parchi per la tutela della biodiversità.
La manifestazione è cresciuta nel tempo e oggi non comprende più una singola giornata celebrativa ma si estende su più giornate.
Anche il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi aderisce all’iniziativa e, assieme ai Carabinieri Forestali, organizza un convegno dal titolo: “Il ruolo dei Parchi Nazionali nella tutela e nel ripristino degli ecosistemi naturali”.
L’evento si svolgerà sabato 25 maggio 2024, alle ore 9:30, a Feltre, presso la sala conferenze del Museo Diocesano, in Via Paradiso 19.
Dopo i saluti istituzionali sono previsti quattro interventi.
Marialuisa Dal Cortivo, del Reparto Carabinieri Biodiversità di Belluno, illustrerà le ricerche condotte sui Coleotteri delle Riserve Naturali Statali all’interno del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.
I tecnici del Parco, Stefano Mariech ed Enrico Vettorazzo presenteranno, assieme ai Carabinieri del Reparto CC del Parco Nazionale, le attività e i risultati del progetto LIFE Wolfalps EU, nato allo scopo di migliorare la coesistenza fra lupo e attività umane sulle Alpi.
A seguire il professor Lucio Bonato, del Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Padova illustrerà il progetto di citizen scienceNeptis“, frutto della collaborazione tra il Parco e l’Università di Padova. Il progetto “Neptis” ha lo scopo di studiare le farfalle presenti nel Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi e nel resto delle Alpi orientali e vede il coinvolgimento di decine di volontari, che hanno già raccolto migliaia di dati.
Il convegno sarà chiuso dall’intervento di Gianni Poloniato, tecnico del Parco, che presenterà le attività condotte in questi anni per il monitoraggio e la conservazione della flora nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.

Scarica la locandina dell’evento